Selezionato da 
Giuseppe Lisi

I personaggi di Branzi non sono mai isolati 
dal contesto in cui vivono. Si può vedere come l’osservazione degli ambienti colori i ritratti. Sono sufficienti a Branzi pochi tratti visivi per alludere agli stati d’animo nei quali eccelle: due uova sul banco, una figura geometrica sul fondo, i santi mezzi cancellati… I volti grondano del luogo in
cui vivono, dei pensieri che portano: tedio, sogno, desideri, diffidenza, rassegnazione, sfida, sapienza, consapevolezza, vuotaggine, modestia, sospetto… Queste foto sono degli anni cinquanta quando la civiltà dei consumi non aveva ancora uniformato gli ambienti e le espressione dei volti.

ENGLISH
Selected by Giuseppe Lisi

The characters of Branzi are never isolated from the context in which they live. It is clear how observation of the environments colours the portraits. A few visual features are all Branzi needs for alluding to the moods in which he excels: two eggs on the counter, a geometric figure in the background, the saints half erased… The faces shout out the place where they live, the thoughts they carry: boredom, dreams, desires, diffidence, resignation, challenge, wisdom, awareness, emptiness, modesty, suspicion… These photos are from the 50s when the consumer age had not yet standardised environments and expressions on faces.